Non esistono verità assolute o dogmi insindacabili. Questi sono solo strumenti concepiti per soggiogare la vostra mente

giovedì 17 settembre 2009

EPICURO E GLI DEI

Epicuro (Samo, 341 a.C. – Atene, 271 a.C.) discepolo di Nausifane, fu un filosofo greco antico fondatore di una delle maggiori scuole filosofiche dell'età ellenistica e romana. Ebbe grande successo in epoca ellenistica ma, avversata dai Padri della Chiesa, subì un rapido declino con l'affermarsi del Cristianesimo.








Di Epicuro abbiamo tre epistole dottrinali e due raccolte di Aforismi:

· La lettera di Erodoto (parla di fisica)

· La lettera a Pitocle (parla di conoscenza)

· La lettera a Meneceo (tratta di etica)

· Le Massime capitali (aforismi)

· Lo Gnomologio vaticano epicureo (aforismi)


Epicuro ovviamente non c’entra nulla con il cristianesimo, però ha affrontato la questione degli Dei, egli affermava che gli Dei vivono negli intermundia, che sono spazi posti tra i mondi reali, e qui già c’è una visione fantascientifica degli universi paralleli.

Parlando di questi Dei affronta la questione del male e sostiene una teoria che è interessante applicarla anche al Dio dei cristiani:


· Dio può evitare il male ma non vuole (Dio risulta cattivo)

· Dio non vuole il male ma non può evitarlo ( Dio è buono ma non onnipotente)

· Dio non può e non vuole evitare il male (Avremmo quindi un Dio cattivo e impotente)

· Dio può e vuole evitare il male, ma poiché il male esiste allora Dio non si interessa dell’uomo


È inoltre doveroso aggiungere che il motivo per cui Epicuro afferma che gli dei si disinteressino dell'uomo è che essi, nella loro beatitudine e perfezione, non hanno bisogno di occuparsi degli uomini. Affermare che per gli dei sia necessario occuparsi di qualcosa, in questo caso degli uomini, significherebbe dare un limite al potere immenso degli dei, che, invece, non hanno bisogno di interessarsi della vita terrena.


Come possiamo vedere le teorie di Epicuro sono molto valide, e applicate al Dio cristiano vanno in contrasto con tutto ciò che dice la chiesa. Se chiediamo a un teologo sicuramente ci risponde che il disegno di Dio non ci è comprensibile, che Dio è buono e giusto e quindi se non combatte il male avrà i suoi motivi. Le solite risposte evasive per mancanza di conoscenza, per mancanza di logica, per ovvia chiusura mentale.

Quindi se Epicuro sostiene che gli Dei non si interessano degli umani, e dà quindi una spiegazione logica all’esistenza del male, in base alle affermazioni dei credenti si può pensare che anche il Dio cristiano non si interessa dei propri fedeli, oppure molto più semplicemente non esiste….


Articoli correlati per categorie



0 commenti: